Ricordare Hiroshima e Nagasaki, per un mondo libero dalle armi nucleari. Gli appuntamenti di “Italia, ripensaci”

Ricordare Hiroshima e Nagasaki, per un mondo libero dalle armi nucleari. Gli appuntamenti di “Italia, ripensaci”

Centinaia di migliaia di vittime, due città completamente distrutte. E soprattutto la consapevolezza dell’esistenza di armi strutturalmente genocide ed inumane. Questi sono i motivi di base per cui ancora oggi, a 77 anni di distanza, è importante fermarsi a ricordare nel silenzio le tragedie dei bombardamenti atomici sul Giappone del 1945.

Importante è però sottolineare come ogni anno ci troviamo il 6 e il 9 agosto non solo per una memoria dell’atomica su Hiroshima e Nagasaki, ma anche per affrontare il fuoco più devastante e pericoloso: quello nucleare. Un fuoco distruttivo in mano a pochissime persone al mondo, usato politicamente…

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO

FONTE | SOSTENERE L’AUTORE